ijzu2f - ryssps - 2s7n0c - fhgh9g - v5uoh6 - apgl4n - 8vaej8 - 9nnii1

Anche l’Europa si mobilita per il Diritto alla Conoscenza. E presto, a Palermo, studiosi della materia da tutto il mondo

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha deciso di discutere, entro la fine del 2020, un progetto di risoluzione sul diritto universale alla conoscenza intitolato Libertà dei media, fiducia del pubblico e diritto alla conoscenza dei cittadini.

 “Da anni il The Siracusa International Institute porta avanti questo tema; e senza  diritto alla conoscenza, riconosciuto come diritto umano di seconda generazione, non ci sarà un futuro di libertà nel mondo globalizzato – commenta con soddisfazione il Segretario Generale dell’Istituto Ezechia Paolo Reale – Una battaglia che va rilanciata con forza e per questo l’Istituto intende promuovere al più presto un incontro del Comitato Scientifico Internazionale sul Diritto alla Conoscenza a Palermo, città sede del più antico parlamento europeo per dare seguito, insieme al Global Committee for the Rule of Law, alle attività ed alle idee del compianto Professor Cherif Bassiouni, già presidente del Comitato Scientifico Internazionale per il riconoscimento del diritto universale alla conoscenza quale diritto umano e supportare – conclude Reale –  l’impegno del Consiglio d’Europa che costituisce, senza dubbio, un importante avanzamento ed un riconoscimento della validità e dell’importanza di tutte le iniziative portate avanti in questi anni, grazie anche alla particolare attenzione dedicata al tema dall’Assessorato dell’Istruzione e della Formazione Professionale della Regione Siciliana”.

 

Maggio 2017: Conferenza di presentazione, al Siracusa International Institute, del documento per il riconoscimento da parte delle Nazioni Unite del diritto universale alla conoscenza.

Your Turn To Talk

Leave a reply:

Your email address will not be published.